Sandybell versus Caillou

marco

Dolce Remy versus Sofia la Principessa. Marco Rossi versus le Winx. Anna dai Capelli Rossi versus La Pimpa. Heidi versus Barbie. L’Ape Maia versus Peppa Pig. A noi bambini venivano propinate quotidianamente storie di mamme morte oppure scomparse nel nulla, padri assenti o morti anche loro, bambini spediti per il mondo da soli, infreddoliti, minacciati, derubati, maltrattati, fratelli invalidi, amici mortalmente ammalati, coetanei menomati, lavoro minorile ovunque, nemici efferati, natura impietosa, destino cinico e baro.

E invece per i bambini di oggi solo ed esclusivamente roba che stilla fortuna e bontà: i genitori sempre presenti (entrambi, e sempre perlopiù felicemente innamorati), sorridenti, pieni di tempo libero per annaffiare il giardino e giocare a fare i biscotti. La mamma di Sofia si sposa un re e Sofia diventa improvvisamente principessa (per giunta con i poteri magici) e attorno a lei è tutto meraviglioso, che bello essere qua bla bla bla. La Pimpa ha l’unico problema di tenere a bada le sue allucinazioni color pennarello, e l’unico vero terrore di Barbie consiste nel non azzeccare il look adatto per il prossimo party. Per non parlare delle Winx e delle risate a pancia all’aria di Peppa Pig: ma perché ridono? Ma se abbiamo bandito tutto il male dal nostro mondo, almeno ci possiamo sforzare di trovare un motivo serio per ridere?

Annunci

4 pensieri su “Sandybell versus Caillou

  1. lapoetessarossa

    Vogliamo parlare di Lady Oscar?
    e aprire il vaso di Pandora dell’identità sessuale?
    Ancora oggi il mio preferito. :-)

    o Georgie, che corre felice sul prato e fa un po’ “non c’è cosa più carina che farsi la cugina” (che lì era la sorellastra ma va bene lo stesso)

    e le tette-missile di Afrodite A? la compagna di merende di Mazinga Z?

    (vanto una certa cultura nei cartoni giapponesi…)

    Rispondi
    1. rckhsl Autore articolo

      Ecco: sdoganiamo questa parte della nostra identità culturale e pretendiamo che ne venga inserito lo studio nei programmi scolastici! (Tanto quelli, ormai…)

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...