Il bambino cinese

“Quello va come una mina”.

Premesso:
1) che di solito sono parecchio refrattaria agli stereotipi,
2) che considero la ricerca della felicità uno dei diritti individuali inalienabili (per quanto venga troppo spesso alienato, si sa)

ecco, fatte queste due premesse mi chiedo se non stiamo sbagliando qualcosa, cioè se l’attitudine alla contemplazione del nostro ombelico non stia portando tutti noi in una direzione completamente sbagliata.

Ma anche qui, alla fine, solo ombelichi in vista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...