Smentita e scuse

No, sono stata ingenerosa. È che certe volte è difficile, perché insolito, arrendersi al fatto che certe cose sono buone e basta, e che non è necessario sminuire, stemperare, trovare l’ombra o la pagliuzza. Certe persone. Perché poi parlo di cose e non di persone? Come a non volersi arrendere. 

La fine dell’estate si avvicina a passi veloci. Il libro dei compiti delle vacanze è quasi completato. L’astuccio nuovo e la cartella sono già preparati di fianco alla scrivania. Arrivano le prime telefonate di genitori ansiosi (che giorno? Che ora? E i libri sono arrivati?), e alla festa di Taddeo ci siamo già ritrovati per raccontarci delle vacanze, con i soliti dolcetti e tranci di pizza col pomodoro che sbuzza fuori fra la pasta e la mozzarella.

Gesa parte e Simone torna. L’aria è fresca e la mattina porta quell’odore inconfondibile. Gunnar è scomparso, la Danimarca è un paese lontano, anche se le mattine di settembre hanno lo stesso odore anche lì.

 E ora non si tratta di scardinare la routine di famiglia, ma di trovarne una nuova. Un po’ di botto, ma con la delicatezza che non manca a quest’omaccione peloso. È settembre il nuovo inizio – chissà cosa viene dopo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...