Appartenenze e libertà

Si escludono irrimediabilmente. Si può giocare ad appartenersi, ma finché si gioca l’essenza è la libertà. E l’appartenenza del gioco manca dell’ineluttabilità. Inutile fingere: l’appartenenza del gioco si scioglie quando si vuole, la volontà è il punto. La volontà senza fulcro, senza paracadute.

Ma la maggior parte delle persone è inchiodata alle proprie appartenenze, e pur quando finge di giocarci, la verità è che la loro appartenenza è la più salda delle catene. La volontà non è più il punto. Ci si è dentro, protetti e al sicuro.

È una delle scelte più radicali, e io in qualche modo ho scelto – non so su che base, non so se mi piace, ma l’ho fatto.

 

Annunci

5 pensieri su “Appartenenze e libertà

  1. capriccietto

    Mica facile capire. Ma non è importante. Lo sai tu, è abbastanza.
    Forse associ gioco e libertà. Opposte ad appartenere.
    Per me, così per dire, giocare è fuori da ogni responsabilità, mentre la libertà è un concetto più complesso (bisogna trattare). Appartenere è ? Ma perchè appartenere? Da dove ti sgorga il verbo? Certo appartenere come schiavo è il contrario di libertà. Chissà a cosa pensavi…

    Rispondi
    1. rckhsl Autore articolo

      Oh. Nel gioco non bisogna forse trattare? Gioco e libertà sono luoghi di grande responsabilità. Sono luoghi di scelta, e quindi di responsabilità.

      Si appartiene a un luogo. A un’identità. Una casa ci appartiene. Si appartiene a (belong with) un partner ideale. La memoria ci appartiene e ci fa appartenere.

      Appartenenza è legame. Legame, nella sua essenza, è una scelta a monte (forse) ma non a valle. E’
      l’opposto di libertà. E’ solida identità.

      Pensavo a tante cose. Grazie.

      Rispondi
    1. rckhsl Autore articolo

      Eh, se la scelta non portasse con sé un certo (anche infinitesimo) rimpianto, non sarebbe una scelta. Diffido del compiacimento di chi celebra la scelta ideale.
      Il pentimento è un atto di onestà, nonché un omaggio alla propria ricchezza interiore. Basta percepirlo, non serve dichiararlo.
      Grazie.

      Rispondi
  2. Pingback: Mi chiedo cosa sia la libertà | r c k h s l

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...