Quisquilie di una certa importanza

Lo dicevo ieri che c’è qualcosa che sta cambiando.

Si tratta sempre di uomini, che in questo periodo sono il mio tasto dolente (ma trattabile). (Poi c’è il tasto dolente e non trattabile, che è il lavoro).

Intanto mi interrogo sulla natura capricciosa di Mr Frizzino, che quando c’è posto per lui non si presenta, mentre quando è del tutto inopportuno eccolo lì puntuale come la bolletta del gas. Perché?

Oltre a questo, alla tenera età di quarant’anni rifletto sulla necessità di imparare a tirarmela seriamente. Dovrei farlo quando è necessario (quando non è necessario invece mi viene benissimo). Ora, per inciso, è necessario.

Insomma: sono le 12e10 e ho fatto tutte le faccende in pigiama, stanotte ho dormito come un masso, nella mia testa non c’è traccia di pensieri adiacenti al suicidio, e mi sento parecchio meglio.

Annunci

6 pensieri su “Quisquilie di una certa importanza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...