Non monogamia

Si parla sempre di coppie e relazioni, tutto il tempo. E in tutte le conversazioni il muro attorno alle convenzioni monogamiche è talmente massiccio che di solito non posso che tacere, ed è codardia.

Mi viene voglia di organizzare le mie riflessioni sulla non monogamia. A me sembra chiaro che il re è nudo, ma tutti insistono a discorrere delle rifiniture dei suoi abiti.

Annunci

8 pensieri su “Non monogamia

  1. Barney Panofsky

    Io sono tendenzialmente monogamo: non riesco a gestire decentemente UN rapporto, immagino che con due o piu’ farei solo del macello. Pero’ non trovo che la posizione poligama-poliandrica sia sbagliata.
    Solo, trovo assai -come dire?- problematico gestire un rapporto a piu’ partner con dei figli in mezzo. Saro’ chiaro fino in fondo: secondo me avere piu’ partner e’ fattibile-facile-appagante solo se non hai prole.

    A te la palla.

    Rispondi
    1. rckhsl Autore articolo

      Ci sono periodi, in particolare quando i bambini sono molto piccoli, in cui sembra naturale anche a me essere attaccati a un solo partner (e questa è un’opinione personale :) ).
      Ma la prole cresce in fretta, e dopo i tre-quattro anni di età il legame fra i genitori non ha più grande ragione di essere esclusivo.
      Le fasi della vita sono così tante..

      Di fatto, i legami esclusivi a vita sembrano essere l’eccezione, soprattutto da quando la contraccezione e l’educazione superiore stanno togliendo terreno ai dogmi del cattolicesimo. La natura umana sembra rivelarsi per quello che è: non monogama.

      Certo, che tutto il lavoro di cura della prole rischi di ricadere sulle madri è un fatto.
      E che la gestione burocratica e legale della prole di partner multipli sia complicata è sicuramente un altro fatto.
      Ma sono fatti che non negano le basi della questione e, volendo, si possono affrontare.

      (La strada per sviluppare gli strumenti culturali ed emozionali orientati a relazioni poly è ancora lunga. Per secoli ci si è impegnati a costringere tutti indiscriminatamente nella camicia di forza della fedeltà!!)

      Rispondi
      1. Barney Panofsky

        Ma tu sei libera di essere infedele a dieci partner, che te lo impedisce? :-D

        La questione secondo me e’ parecchio di natura pratica: avere piu’ di un partner costa (in risorse sia materiali che emotive) piu’ che investire su un partner solo. Oh, sia chiaro e mi scuso per la brutalita’: se lo scopo principale e’ scopare come ricci con n persone invece che farlo con una sola, capisco. Ma -mi ripeto- avere figli in questo caso e’ un ulteriore problema di risorse limitate (tempo, soldi, case, … quel che ti pare)che confliggono con uno stile di vita “oneroso”.
        Lo stesso discorso secondo me vale pure nel caso dei maschi con figli (e’ verissimo che lo sforzo maggiore per tirare su i figli lo fanno le donne, ma qualcosa tocca pure a noi).
        Se sei senza figli ed hai soldi e tempo, in prima battuta non hai problemi, se poi metti in chiaro il tuo status di poliandrica con i tuoi partner anche meglio (dal mio punto di vista. Io -saro’ all’antica- vorrei sapere se la donna con la quale sto va anche con altre persone).

        Dal punto di vista biologico-evolutivo, le specie con gestazione lunga, prole inetta e infanzia che dura un decennio hanno la tendenza a formare coppie stabili, nelle quali e’ previsto il tradimento ma come risposta alla noia del tran tran quotidiano (se c’e’).
        Tirare su un figlio -di nuovo, sembro gretto e meschino piu’ di quel che in realta’ sono…- costa cosi’ tanto alla coppia che se questa si rompe e’ un trauma.

        Insomma: per una volta credo che il papa e la chiesa (tm e copyright) abbiano meno colpe di Darwin nella scelta del modello sessuale di riferimento :-P

      2. rckhsl Autore articolo

        E chi dice che avere un solo partner costi necessariamente meno che averne diversi? Mica si chiede all’uomo di mantenere tutte le sue donne :). Seriamente: quale scelta abbia costi maggiori è tutto da provare (la famiglia nucleare moderna è totalmente inefficiente per l’allevamento dei figli!!), e in termini emotivi i costi dipendono dalle preferenze personali. Personalmente, la fedeltà a vita sarebbe una roba devastante e insostenibile.

        Il punto è proprio che, se diventa possibile aprire la coppia, non c’è bisogno che questa si rompa. (Ti dico questo per esperienza diretta e personale).

        Il problema del costo dei figli si pone sempre, e la storia dei comportamenti riproduttivi umani mostra che si tratta più di un costo-opportunità (cioè: di una scelta fra numero di figli e tenore di vita) che non di un costo tout court (come sempre, del resto).

        Ancora: la storia delle basi biologiche della monogamia umana è una bufala!!! Basti pensare che la cultura monogama si è affermata fra gli uomini solo dal neolitico in poi, e neppure in tutte le culture.

        Lo scopo non è (solo) scopare come ricci :D ma poter scegliere e sperimentare le proprie strade per stare meglio, si può?

  2. giacani

    Ovvero tu saresti per la poligamia? Oddio…francamente non so mica se ce la potrei fare con più di una moglie. D’altra parte, per par condicio,dovrei anche immaginare di essere uno dei tanti mariti di mia moglie. Ma neanche quest’idea mi sembra entusiasmante. No, in questo caso voto per le convenzioni!

    Rispondi
    1. rckhsl Autore articolo

      Sono contenta che tu ti senta felicemente monogamo. Per fortuna tua, nessuno contesterà questa tua inclinazione.

      Io non mi sento così. Sono deviante? Patologica? Da correggere? Devo nascondermi? Vergognarmi? (L’ho fatto per oltre due decenni.. ora basta!!!)

      Tra il 20 e il 70% della popolazione adulta occidentale ha comportamenti non monogami. L’incidenza reale di questi comportamenti è difficile da stimare, perché lo stigma morale è fortissimo. Così ci si nasconde, ci si costringe, si mente, si provano sensi di colpa e di inadeguatezza, mentre è chiaro che se un comportamento è così diffuso è forse semplicemente da accettare come espressione della natura umana. Se tante coppie si “aprissero” serenamente, tanti drammi sarebbero evitati.. ma l’apertura della coppia è percepita come la fine di una relazione “seria”, e le relazioni aperte sono considerate roba strana, per gente peculiare e un po’ kinky, vade retrooo!!!

      Ecco, io credo che questa sia una delle convenzioni da abbandonare. Liberi di scegliere! Penso che se l’opzione poly acquistasse legittimità in tanti vivrebbero mooolto meglio.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...