Good news: Bowlby revisited

Sembra un libro da edicola della stazione o da scaffale di supermercato, ma invece è un buon libro. Partendo da Bowlby (sant’uomo) dice due ottime cose nuove:

1) Che lo stile di attaccamento di un individuo non è determinato una volta per tutte nella prima infanzia dal rapporto con la madre o chi per lei, ma può cambiare ed evolversi in tutte le direzioni a seconda delle esperienze durante tutta la vita. Ciò significa due cose: a) che, se ho dei problemi, posso sempre sperare di imparare a stare meglio (e sennò la resilienza che roba sarebbe?) e b) che la madre non è la definitiva responsabile del benessere mentale dei figli, ma dà loro una base, e poi la vita interviene. (*)

2) Che tutti gli stili di attaccamento hanno un valore evolutivo, e quindi hanno una loro ragione d’essere e soprattutto una loro legittimità. Ciò significa che le necessità dello stile insicuro hanno diritto di esistere e di venire soddisfatte esattamente come tutte le altre, e non vanno per forza condannate e corrette, a meno che non creino troppa sofferenza. A monte di questo c’è il fatto che, pare, anche gli stili di attaccamento stanno scritti nel corredo genetico, e quindi sono di base ereditari (e anche questo toglie dalle spalle delle madri parte della responsabilità del benessere mentale dei figli, altra cosa sacrosanta).

_____

levine-hellerAmir Levine e Rachel Heller, Dimmi come ami e ti dirò chi sei. Come riconoscere quello giusto e soprattutto come tenertelo, Milano, Tea Edizioni, 2012. 263 pp, 12€.

Ed originale: Attached: The New Science of Adult Attachment and How It Can Help You Find – and Keep – Love, 2010

  

 

_____

(*) Mi rendo conto che tutto questo sembra molto ovvio. E lo è. Ma in realtà c’è una bella differenza rispetto alla teoria originale di Bowlby, e mi pare che la tendenza attuale all’iper-responsabilizzazione della madre, almeno in certi ambienti femminili bio-slow-talebani della maternità, derivi piuttosto da Bowlby old-school.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...