Ancora su aristocrazia, quarto stato e stregonerie

Proprio ieri, nel mezzo delle mie riflessioni, mi arriva la notizia che mia sorella è passata di ruolo.

Questo è buono e giusto, ché lei ha un mutuo trentennale, tre figli piccoli e un compagno che ha un lavoro come d’autunno sugli alberi le foglie. I miei sono felici: almeno lei ce l’ha fatta.

E mi rallegro anche per tutti gli altri che alla fine uno dopo l’altro ce la faranno a passare di ruolo, assunti e indeterminati.

Io intanto devo finire di riporre i panni invernali, riempire i fogli per l’assicurazione, portarmi avanti con il lavoro per Gunnar, finire la pulizie che domani arriva Gesa, portare la spazzatura, rintracciare gli esiti degli esami che la USL mi ha sperso, procurare due regali di compleanno, correre a fare la spesa.

Ma tutto questo quasi non mi sfiora: per magia, il mio pensiero è fisso al 12-16 aprile.

Annunci

3 pensieri su “Ancora su aristocrazia, quarto stato e stregonerie

  1. ammennicolidipensiero

    che poi mi chiedo: chi fa lavoro domestico passa di ruolo quando? quando gli regalano lo swiffer al posto della scopa? e poi arriva l’aspirapolvere? quando firma il contratto a tempo indeterminato con i fornelli?
    pensieri minimi a voce alta.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...