Non lavorare

Le giornate sono popolate di attività e pensieri provvisori.

Anche quello che mi piace: cucinare, scrivere, camminare sui lungarni, un bagno caldo, curare le unghie – tutto si riveste di una patina di transitorietà e perde senso, in attesa di qualcosa di importante e definitivo che dovrebbe venire a restituirmi dignità. Ma niente verrà.

Lavorare stanca. Non lavorare non stanca. Potrei permettermelo, oltretutto. E invece.

Il lavoro che dà dignità è una favola avvelenata. Ha portato molti frutti, ma niente è gratis: e il prezzo lo sto pagando.

Mi piacerebbe svegliarmi, strofinare via pian piano questa patina e godermi i piaceri così come sono, finché ci sono.

leaf

Annunci

2 pensieri su “Non lavorare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...