Quanto sto stretta

Stretta minuscola, soffoco. È la legge dei numeri (piccoli). È una città per piccoli, perfetta, e per le piccole è perfetta. E io ho le piccole che ci stanno bene e quindi non posso che voler restare, ma ho anche me stessa e (diciamocelo) non respiro più e non penso che alla fuga, in mille fantasie.

Ikea è la svolta: Rendiamoci conto.

Prova provata che non ci sto più dentro è che uscire con disciplina (secondo i dettami della profetessa in carica) non porta a nulla se non all’acuirsi della sensazione di angustia: tutte le porte che si aprono ma alla fine non portano da nessuna parte. Presunzione? Forse.

A gennaio l’ultimo tentativo, prima della resa. Poi non so. Ho 40 anni.

 

Annunci

2 pensieri su “Quanto sto stretta

  1. Damiano Fina

    quando sto stretto, mi chiudo un po’ in un posto ancora più stretto, poi tutto sembra immediatamente quasi stupido e ci rido sopra, ma è un’emozione che dura poco, come le lucette dell’albero, che si fulminano in fretta (auguri!)

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...