Départ

Disobbedisco, non dormo. Non ci riesco: con il caos bollente che ho nella testa.

Non è rabbia stavolta a venir fuori, è tristezza. Una tristezza dolorosa, un’eco seppur pallida della tristezza insostenibile di quattro anni fa, a decisione presa e irrevocabile, quando ho tirato fuori tutta la forza di cui ero capace per non farmi stritolare.

Sono triste perché temo che me ne andrò. Lo so: andarmene, seppur annientata dalla tristezza, è l’unica strada che conosco. Magari ne conoscessi altre.

E quando me ne sarò andata riuscirò anche a non guardare indietro per un po’. Piuttosto mi guarderò dentro, mais finalement ça reviendra au même.

Annunci

4 pensieri su “Départ

    1. lapoetessarossa

      Oh sì! Confermo il suggerimento.

      “Io so soltanto che non è stata, come si dice, la “inquietudine” a spingermi, ma al contrario – una assoluta quiete. Non ho nulla da perdere. Non sono né coraggioso né curioso di avventure. Un vento mi spinge, e non temo di andare a fondo”. (Joseph Roth)

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...