Alghero in inverno

Questo novembre niente Rue Hélène. Il candidato PJ ha ignorato del tutto le mie ultime parole, e quindi, coerentemente, niente Côte Sauvage (che pure mi aveva promesso ripetutamente), niente Deauville e boulots mayonnaise. Niente Tolstoy nella poltrona accanto alla finestra (tanto è lì e ci resterà). Niente pizza a microonde.

Invece vado ad Alghero con I di A&I, che è fragile isterica e incinta. Il concorso a Sassari spero sarà contenuto all’interno una breve irrilevante parentesi. Il bed and breakfast in centro è già prenotato. Ci aspettano tre giorni gelidi consegnati dagli orari Ryanair a vuote passeggiate sul lungomare, sulle spiagge ventose, nelle stradine del centro. L’idea però mi entusiasma.

I di A&I non mi entusiasma, ma mi piace l’idea di prenderci cura di noi, e di stare da sola con lei che è una che ti lascia abbastanza sola – nel senso che non provoca impegno emotivo. Lei si lamenta, ogni tanto, nei rari momenti di confidenza: di essere trasparente. È vero che è trasparente. È tiepida anzi fredda, non suscita emozioni. Non bacia neppure le amiche quando le saluta.

Ma è la compagna perfetta per passeggiare su un lungomare invernale. È un’oasi dei sensi, così come A di A&I è massiccio, rovente e ineludibile – e faticoso, a volte.

È quello che mi ci vuole in questo periodo di scomodità cronica. Non vedo l’ora.

sea

Annunci

Un pensiero su “Alghero in inverno

  1. Pingback: Così facile | rckhsl

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...