Avanti piano

La giornata è stata un incubo. Le mail di G., i trabocchetti del candidato DD, le due palestre delle bimbe, mia mamma, altre mamme importune, segretarie rallentate, ricevute, certificati, bancomat inesistenti.

La verità è che non ce la faccio da sola. Ancora dieci giorni a questi ritmi e mi strino il cervello. La mia vita reale si è ridotta oggi a alcune mezz’ore distribuite a caso nella giornata.

(Certo che ce la farò. Eroica, devastata ma arriverò viva al 12 ottobre. Dovrei forse richiamare T dalla Calabria?).

Nel frattempo la mia vita virtuale, misterioso cactus, si è esibita nella magia di una fioritura inattesa – e io lì imbambolata a cercare di capire.

Non cercare di capire, come direbbe A di A&I.
Che amico saggio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...